Zinco che cos'è?

Lo Zinco

Lo zinco (Zn) è un microelemento che è presente nell’organismo in piccole quantità. è un oligoelemento che entra nella costituzione di oltre 200 enzimi. E’ un nutriente essenziale per la salute dell’uomo che svolge molteplici funzioni in tutto l’organismo.

A cosa serve?

  • Contribuisce alla normale sintesi del DNA e delle proteine
  • Interviene nei processi di divisione cellulare
  • Protegge le cellule dallo stress ossidativo
  • Favorisce la normale funzione del sistema immunitario, la capacità visiva, la funzione cognitiva, il metabolismo della vitamina A e dei macronutrienti (carboidrati e grassi)
  • Promuove il benessere di ossa, pelle, capelli e unghie
  • contribuisce alla fertilità maschile mantenendo i normali livelli di testosterone nel sangue
  • è il principale catalizzatore del sistema endocrino (un sistema corporeo che ha la funzione di assicurare all’organismo la giusta produzione di ormoni richiesta per lo svolgimento di tutti i singoli processi fisiologici)
  • Agisce sulle gonadi (organi e di strutture deputati alla funzione riproduttiva) di entrambi i sessi, sui vasi sanguigni arteriosi, capillari e venosi, sull’intestino e sull’apparato genito-urinario.

Gli alimenti con cui posso assumere zinco

esso si trova maggiormente negli alimenti di origine animale come carne, pesce, uova, latticini, crostacei. Vediamo di seguito gli alimenti che ne contengono di più

  • ostriche, granchio e frutti di mare;
  • fegato di vitello e di bovini, ovini, equini;
  • cereali integrali, legumi e frutta secca;
  • semi di zucca, di girasole e di sesamo;
  • funghi;
  • cacao amaro
  • tuorlo d’uovo

È importante sapere che l’organismo riesce ad assorbire solo il 20-30% circa delle quantità di questo minerale presenti negli alimenti, e che le fibre contenute nei vegetali tendono a ridurne l’assorbimento, infatti può succedere che i soggetti che seguono una dieta strettamente vegetariana o vegana possono avere carenze di questo minerale e quindi doverlo assumere tramite integratori.

Di seguito una tabella in cui riportiamo alcuni alimenti comuni e il loro relativo contenuto di zinco:

Alimento Mg /100g
Granchio (1 porzione da 1hg e mezzo)12
Ostrica cotta181,61
Ostrica cruda90,81
Fegato di suino5,76
Bistecca di manzo cotta5,35
Petto di manzo brasato5,1
Pollo 6,59
Bistecca di manzo grassa cotta5,04
Fesa di manzo cotta6,45
Cereali colazione12,4
Semi papavero10,23
Cioccolato fondente amaro9,63
Funghi secchi (shitake)7,66
Cardamomo7,47
Cacao amaro6,81
Muesli6,8
Mandorle3,1
Noci 2,3/2,5
Pinoli6,5
Uovo0,7
Latte – di per se non contiene molto zinco ma nel procedimento per la produzione del formaggio lo zinco viene concentrato fino a 2-4 mg per etto 2/4

Quanto zinco assumere?

Il contenuto complessivo di Zinco nel corpo umano varia tra gli 1,4 e i 3 grammi. La dose giornaliera raccomandata (dall’Unione Europea) da assumere è 15 mg: 12mg per gli uomini e 9mg per le donne; tutto però dipende dal momento e dalle condizioni fisiche (ad esempio nelle donne il fabbisogno aumenta durante l’allattamento arrivando a 19 mg al giorno). Considerando anche il fatto che generalmete nei Paesi Occidentali la quantità di Zinco consiglata si riesce ad assumere con un’alimentazione equilibrata è necessario valutare caso per caso per capire la dose necessaria per ciascuno, proprio per questo è necessario fare un test BHBR per valutare la presenza di questo minerale nel corpo.

Prenota il test BhBr per scoprire le informazioni sullo zinco nel tuo corpo

Le conseguenze che comporta una carenza di zinco

La carenza di zinco è molto frequente:

  • nella crescita dei bambini, nella senilità, nelle malattie croniche,
  • Stanchezza o astenia
  • Degenerazione maculare
  • Problemi alla pelle
  • Problemi di cicatrizzazione, ritardi nella guarigione
  • Disturbi gastrointestinali
  • Sistema immunitario debole

La carenza di Zinco può dipendere anche da insufficiente o cattivo assorbimento come conseguenza di una dieta ricca di cereali (fitati) ma povera di proteine, l’assunzione eccessiva di alcool o un’elevata eliminazione urinaria.

zinco minerale

Come si fa a sapere se si è carenti di Zinco?

Attraverso il Test BHBR (comunemente chiamato anche Mineralogramma) che utilizza metodi scientificamente comprovati, riusciamo ad andare ad esaminare il contenuto intracellulare del bulbo, dandoci così una grande quantità di dati ed indicazioni che permettono di valutare la situazione in atto.

I valori riscontrati nei capelli e nel suo bulbo, rappresentano i livelli dei minerali nutrizionali, delle vitamine, aminoacidi e metalli tossici nei tessuti. Quindi il Test BHBR, un test innovativo nel campo delle analisi polimetaboliche, è un metodo di primo approccio, in quanto i valori che si ottengono risultano essere uno concreto specchio di quanto accaduto, a livello intracellulare, nel nostro fisico. Va considerato un test di screening, non fornisce una diagnosi di una qualsiasi malattia o condizione patologica. E’ un test progettato per fornire una considerevole quantità di dati e che può svolgere un ruolo importante nella prevenzione e nella diagnosi precoce di disturbi fisici ed emozionali.

Quando lo zinco diventa tossico?

Quando se ne assume troppo e per troppo tempo può diventare dannoso. Dosaggi superiori a 150mg al giorno possono causare

  • nausea
  • vomito
  • diarrea
  • abbassamento del colesterolo HDL (colesterolo buono)
  • ridotta funzione immunitaria

Prenota il test BhBr per scoprire le informazioni sullo zinco nel tuo corpo

Articoli simili

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *